Archivio di Stato di Napoli

Identity area

Identifier

IT-ASNA

Authorized form of name

Archivio di Stato di Napoli

Parallel form(s) of name

Other form(s) of name

Type

  • Provincial/state

Contact area

 

Imma, Ascione Primary contact

Type

Address

Street address

(sede centrale) piazzetta del Grande Archivio

Locality

Napoli

Region

Campania

Country name

Italy

Postal code

80138

Telephone

081-5638111

Fax

081-5638300

Note

Type

Address

Street address

(sede sussidiaria) via Egiziaca a Pizzofalcone, 44

Locality

Napoli

Region

Campania

Country name

Italy

Postal code

80138

Telephone

081-7641751

Fax

Email

URL

Note

Description area

History

L'Archivio di Stato di Napoli nasce come "Archivio Generale del Regno" con il r.d. 22 dicembre 1808, allo scopo di riunire in un medesimo locale gli antichi archivi delle istituzioni esistenti fino all'arrivo di Giuseppe Bonaparte a Napoli nel 1806.

Furono così concentrati gli archivi della Regia Camera della Sommaria, cui appartenevano i volumi dei catasti "onciari" relativi a tutti i comuni del regno, della Cancelleria, delle Segreterie di Stato dell'epoca viceregnale, dei supremi organi consultivi dello Stato (Consiglio Collaterale, Real Camera di S. Chiara), del Cappellano Maggiore e dei massimi organi giudiziari dello Stato (Sacro Regio Consiglio, Gran Corte della Vicaria) e le carte di altri numerosi organi statali.

Fra questi meritano un cenno le diverse giunte come quelle di Stato, degli Abusi e di Sicilia, nonché l'Amministrazione dei demani per il cui tramite furono acquisiti i preziosi archivi dei monasteri napoletani, soppressi fra il 1807 e il 1809.

Nel decennio francese la fisionomia e l'articolazione dell'istituto furono precisate con i successivi decreti dell'11 marzo 1810 e del 3 dicembre 1811, con il primo dei quali fu stabilita una ripartizione in uffici che, con diverse modifiche, è poi pervenuta sin quasi ai giorni nostri.

Dopo la restaurazione borbonica del 1815, la legge organica degli archivi del 12 novembre 1818 confermò l'istituzione cambiandone la denominazione in quella di "Grande Archivio del Regno" e stabilì il principio che, non soltanto le carte delle cessate amministrazioni, ma anche quelle delle amministrazioni vigenti dovessero esservi versate periodicamente.

Alcune disposizioni prese dal governo fra il 1824 e il 1825 introdussero tuttavia una serie di restrizioni a tale principio, stabilendo che gli atti dei ministeri non potessero essere consultati né copiati senza la preventiva autorizzazione del relativo ministero titolare.

Dalla sua istituzione fino all'Unità d'Italia, l'archivio fu diretto da Michele de Dominicis (1808-1820), Giuseppe Ceva Grimaldi (1820-1826), Antonio Spinelli (1826-1847), Angelo Granito di Belmonte (1848-1860).

A partire dal 1860 l'archivio conobbe un notevole incremento del proprio patrimonio documentario, grazie all'acquisizione degli atti dei ministeri borbonici e di altri organismi centrali, come la Consulta di Stato e la Gran Corte dei Conti, e avrebbe potuto acquisire anche il cospicuo archivio del Municipio di Napoli, insistentemente richiesto dall'amministrazione archivistica a partire dal 1852, ma mai pervenuto per l'irriducibile opposizione degli amministratori comunali.
Nell'importante documentazione pervenuta in tale periodo, va segnalata la raccolta delle leggi e decreti originali dello Stato (1806-1861), appartenenti al Ministero della Presidenza del Consiglio, e i protocolli delle decisioni prese dal re nel Consiglio di Stato (1822-1861).

Primo direttore dopo l'Unità fu l'economista e giornalista Francesco Trinchera, il quale curò, avvalendosi di un precedente pregevole lavoro dell'archivista Michele Baffi, l'edizione della Relazione degli archivi napoletani (1872), prima e per molti aspetti ancora preziosa guida sistematica alle fonti dell'Archivio di Stato di Napoli. Gli succedettero nell'incarico autorevoli figure di studiosi come Camillo Minieri Riccio (1874-1882) e soprattutto Bartolomeo Capasso (1882-1900) e Eugenio Casanova (1907-1915), autore quest'ultimo di un celebre manuale di archivistica e di un'ampia relazione sull'Archivio di Stato di Napoli nel decennio 1899-1909, pubblicata nel 1910.

La direzione di Riccardo Filangieri di Candida (1934-1956), durante la quale fu avviata l'acquisizione degli archivi privati, coincise purtroppo con il periodo più triste per la storia del nostro paese e dei suoi archivi; delle vicende belliche l'Archivio di Stato di Napoli risentì più pesantemente di ogni altro istituto archivistico, in quanto una notevolissima mole di scritture antiche e pregevoli, portate in un deposito presso Nola per preservarle dai bombardamenti, vi furono distrutte da un reparto tedesco in ritirata nel settembre del 1943. Andarono distrutti, fra gli altri, tutti i 378 volumi in pergamena che costituivano la Cancelleria dell'epoca angioina..

Nel corso del Novecento l'Archivio, avendo perduto il suo carattere di archivio della capitale, ha ricevuto versamenti da organismi a carattere provinciale o locale, quali la Prefettura e la Questura e l'Ufficio distrettuale delle imposte dirette con gli atti relativi al cosiddetto Catasto provvisorio di Napoli, che, stabilito da Murat nel 1809, è rimasto in vigore fino al 1914. Viceversa, per la ricorrente esigenza di recuperare spazi, l'istituto ha proceduto ad ingenti scarti di materiale documentario secondo criteri che oggi appaiono discutibili, come nel caso dei 140.000 fasci di atti contabili, provenienti dalla Gran Corte dei Conti del Regno di Napoli, eliminati nel 1930.

Geographical and cultural context

Mandates/Sources of authority

Administrative structure

Records management and collecting policies

Buildings

Holdings

Finding aids, guides and publications

Guida generale degli Archivi di Stato, vol. 3, Roma 1986

ARCHIVIO DI STATO DI NAPOLI, Regesto della Cancelleria Aragonese di Napoli, a cura di JOLE MAZZOLENI, Napoli 1951

ARCHIVIO DI STATO DI NAPOLI, Archivi privati. Inventario sommario, I, II ed., Roma 1967

ARCHIVIO DI STATO DI NAPOLI, Archivio Borbone. Inventario sommario, I, Roma 1961

ARCHIVIO DI STATO DI NAPOLI, Archivio Borbone. Inventario sommario, II, a cura di AMELIAGENTILE, Roma 1972

ARCHIVIO DI STATO DI NAPOLI, Regia Camera della Sommaria. I conti delle Università (1524-1807). Inventario, a cura di DORA MUSTO, Roma 1969

Strumenti di ricerca online:
Affari demaniali e feudali
Amministrazione generale dei dazi indiretti
Amministrazione generale della Cassa di Ammortizzazione e del Demanio pubblico
Archivi Minori
Archivi notarili
Archivi privati
Cancelleria e Consiglio Collaterale
Cappellano Maggiore
Collegio dei dottori
Commissariato regionale per la liquidazione degli usi civici
Commissione esecutrice del concordato
Corte di appello di Napoli
Dipartimento forestale di Napoli, Caserta e Benevento
Esposizioni e mostre
Excerpta
Farnese
Giunte
Intendenza di Napoli
Intendenza generale degli allodiali
Ministero degli affari ecclesiastici
Ministero degli affari esteri
Ministero degli affari interni
Ministero dei lavori pubblici
Ministero della polizia generale - Ministero di polizia
Ministero della pubblica istruzione
Ministero di Grazia e Giustizia
Piante e disegni
Prefettura amministrativa
Prefettura di polizia
Processi antichi
Procura generale presso la Corte di Appello di Napoli
Questura di Napoli
Real Camera di Santa Chiara
Regia Camera della Sommaria
Repertori
Ricostruzione angioina
Sezioni
Sigilli e matrici
Sottoprefetture
Suprema Giunta di corrispondenza con quella della Cassa sacra di Catanzaro
Supremo Consiglio di Cancelleria
Tribunale civile di Napoli
Tribunale penale di Napoli
Ufficio distrettuale delle imposte dirette di Ischia

Ricerca online:
http://patrimonio.archiviodistatonapoli.it
www.archivi-sias.it

Banche dati online:
Prefettura di Napoli, serie Gabinetto (documenti della vita sociale economica politica ed amministrativa di Napoli negli anni del fascismo, della guerra e del dopoguerra).
Ricostruzione dell'archivio della cancelleria angioina (atti amministrativi, ma anche quelli politici del regno angioino dal 1265 al 1435).

Access area

Opening times

Access conditions and requirements

Accessibility

Services area

Research services

Reproduction services

Public areas

Control area

Description identifier

IT-ASNA / CENDARI Italia

Institution identifier

IT-FEF

Rules and/or conventions used

Status

Draft

Level of detail

Partial

Dates of creation, revision and deletion

Language(s)

  • Italian

Script(s)

  • Latin

Sources

http://www.archiviodistatonapoli.it/asnaCMS/index.jsp
http://www.archivi.beniculturali.it

Maintenance notes

Elisa, Brunoni

Access points

Access Points

Primary contact

(sede centrale) piazzetta del Grande Archivio
Napoli, Campania
IT 80138