Biblioteca comunale dell'Archiginnasio

Identity area

Identifier

IT-BO0304

Authorized form of name

Biblioteca comunale dell'Archiginnasio

Parallel form(s) of name

Other form(s) of name

Type

  • Municipal

Contact area

Type

Address

Street address

Piazza Galvani 1

Locality

Bologna

Region

Country name

Italy

Postal code

40124

Telephone

Fax

Note

Description area

History

Istituita il 30 apr. 1801 ad opera del Dipartimento del Reno, la Biblioteca raccolse parte del patrimonio librario delle congregazioni religiose disciolte dai provvedimenti del periodo napoleonico (1797-1798) mentre un'altra parte di questo ingente patrimonio entrò a far parte delle raccolte dell'Istituto delle Scienze (oggi Biblioteca universitaria).
La Biblioteca inizialmente ebbe la propria sede presso l'ex-Convento di San Domenico, che dal 1814 accolse in locali attigui anche la grande raccolta libraria lasciata in eredità alla Municipalità di Bologna (1811) dall'abate Antonio Magnani, collezionista ed ex-bibliotecario dell'Istituto delle Scienze. Il 30 agosto 1817 la Biblioteca comunale e la Biblioteca Magnani furono riunite in un unico servizio, le Biblioteche comunale, e Magnani, affidate a due diversi responsabili e con il vincolo di mantenere distinte le rispettive raccolte.
Il patrimonio librario fu trasferito nel 1838 nel Palazzo dell'Archiginnasio (che era stato sede dell'Università dal 1563 e fino al 1803), ove in seguito furono riuniti anche numerosi fondi librari appartenuti alle corporazioni religiose soppresse ai sensi del decreto luogotenenziale n. 3036 del 7 luglio 1866. Le raccolte librarie furono organizzate per materia e collocate nelle antiche aule dello Studio da Luigi Frati, bibliotecario e direttore dal 1858 al 1902.
Col tempo moltissime donazioni, oltre alle acquisizioni, arricchirono il patrimonio archivistico e librario della Biblioteca, sia durante la direzione di Luigi Frati, sia - in particolare - negli anni della direzione di Albano Sorbelli (1904-1943), che riorganizzò le raccolte manoscritte e curò, insieme con i propri collaboratori, la redazione di numerosi inventari. Non fu possibile mantenere a lungo la vocazione di documentazione generale che aveva caratterizzato la prima fase di vita della biblioteca, e ci si orientò sempre di più verso le discipline umanistiche, riservando particolare attenzione a tutto ciò che riguardava la vita civile, politica e culturale di Bologna e del suo territorio.
La seconda guerra mondiale, con i bombardamenti del 1944, determinò gravi danni al palazzo dell'Archiginnasio e alle raccolte, tanto che per molti anni dopo la fine del conflitto l'attività della biblioteca fu condizionata dalla ricostruzione di un'ampia porzione dell'edificio. A partire dagli anni '80 del Novecento l'istituto ha iniziato una fase di ripresa in coincidenza con la ridefinizione del suo ruolo all'interno del sistema bibliotecario bolognese.
Tra i fondi recentemente acquisiti si annoverano principalmente archivi di persona spesso affiancati dalla biblioteca privata del produttore. Fra questi i fondi Riccardo Bacchelli, Luciano Anceschi, Antonio Baldacci, Francesco Arcangeli.
Negli ultimi dieci anni si è dato corso ad una rinnovata attività di valorizzazione dei fondi speciali archivistici, attraverso l'inventariazione scientifica affidata ad archivisti professionisti, che operano sia su fondi pregressi che su nuove acquisizioni.

Geographical and cultural context

La Biblioteca comunale dell'Archiginnasio è tra le più importanti biblioteche comunali italiane per ricchezza delle raccolte storiche conservate, sia a carattere bibliografico che documentario; costituisce, in particolare, un patrimonio di fondamentale importanza per la conoscenza della storia, della cultura e dell'arte riguardanti la città di Bologna e il suo territorio.
Situata in una posizione geografica centrale (sulla via Emilia, ai piedi delle propaggini appenniniche comprese tra Reno e Savena, con a fronte la Pianura padana), Bologna è da sempre importante nodo di traffici economici; attualmente conta 372.752 abitanti (agosto 2007); è capoluogo della Regione Emilia-Romagna e della provincia di Bologna. Negli anni '60 e '70 del Novecento la popolazione cittadina è triplicata rispetto ai primi decenni del secolo (493.33 nel 1973, il massimo storico), e lo sviluppo della periferia ha superato in estensione e in abitanti la città storica.
Bologna ha le proprie origini nell'etrusca Felsina e poi nella romana Bononia (fondata nel 189 A.C.); è sede della più antica università del mondo (1088). Nel 1116 i privilegi concessi da Enrico VIII segnarono anche formalmente la nascita del Comune. Nel sec. XIV la città divenne soggetta a governi signorili (primo quello dei Pepoli) e poi di rappresentanti papali. Nel ‘400 si affermò la signoria dei Bentivoglio, che crollerà all'inizio del secolo successivo. Dal 1513 Bologna fece parte stabilmente dello Stato della Chiesa, mantenendo però le proprie antiche magistrature; nel XVI secolo ospitò eventi di importanza storica, come l'incoronazione di Carlo V (1530) e lo svolgimento di varie sessioni del Concilio di Trento (1547). Al periodo post-tridentino risale la costruzione del palazzo dell'Archiginnasio, in cui lo Studio bolognese trovò una sede unitaria. Il periodo del cosiddetto ‘Governo misto' - esercitato congiuntamente dal Legato pontificio e dal Senato cittadino -proseguì sostanzialmente senza soluzione di continuità per quasi tre secoli, concludendosi nel giugno 1796 con l'avvento delle truppe rivoluzionarie francesi. Bologna divenne prima capitale della Repubblica Cispadana (gennaio 1797) e poi capitale del Dipartimento del Reno della Repubblica Cisalpina (luglio 1797). Nel periodo napoleonico la sede dell'Università fu trasferita dal Palazzo dell'Archiginnasio a Palazzo Poggi, già sede dell'Istituto delle Scienze. Dopo la restaurazione pontificia (1815), la città partecipò attivamente alle lotte del Risorgimento; il 12 giugno 1859 ebbe fine il dominio temporale della Chiesa su Bologna, che con il plebiscito dell'11-12 marzo 1860 fu annessa al regno sabaudo, entrando quindi a far parte del nuovo Stato italiano.
L'importanza economica di Bologna si afferma fin dall'XI secolo, quando diviene uno dei più importanti centri economici europei, non solo in relazione alla presenza dell'Università ma anche grazie allo sviluppo dell'industria tessile. Dotata di un efficiente sistema di sfruttamento dell'energia idraulica, Bologna a partire dal XV secolo si specializzò nella produzione della seta: i mulini da seta "alla bolognese" furono all'avanguardia nella tecnologia europea sino al XVIII secolo. Tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo l'impianto urbano di origine medievale subì modifiche di notevole importanza, determinate dalla realizzazione di una nuova viabilità cittadina e di nuove infrastrutture, in primo luogo la stazione ferroviaria (Bologna è tuttora il principale snodo ferroviario italiano). La città odierna è dotata di Quartiere fieristico, Palazzo dei Congressi, strutture ricettive, ed è inserita nel contesto di un ricchissimo tessuto di aziende industriali di primaria importanza nel settore della meccanica e della trasformazione agro-alimentare.
A Bologna sono presenti numerosi servizi ed istituti culturali, tra cui si ricordano: la Biblioteca universitaria e la Pinacoteca nazionale, l'Archivio di Stato, l'Archivio storico comunale, la Biblioteca di Sala Borsa e la rete delle biblioteche di quartiere, la Cineteca comunale, il Museo d'Arte Moderna di Bologna, il Museo Morandi, i Musei civici d'arte antica, il Museo internazionale della musica, la Biblioteca e Museo del Risorgimento, la Biblioteca e il museo di Casa Carducci. Per l'elenco completo degli istituti culturali
http://www.comune.bologna.it/servizi/artecultura/artecultura.php

Mandates/Sources of authority

Essendo la Biblioteca dell'Archiginnasio una Unità intermedia dell'Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna, la normativa generale di riferimento è quella relativa all'ordinamento delle autonomie locali (Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2000, Supplemento Ordinario n. 162).

  • Statuto del Comune di Bologna (ODG/PRG: 26, PG: 36651/91, data seduta: 17/06/91, data inizio vigore: 16/12/91 e modifiche successive)
  • Deliberazione del Consiglio comunale di Bologna con cui viene costituita l'Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna (ODG: 66, PG: 45010/2008, data seduta: 21/7/2008);
  • Regolamento dell'Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna, (allegato alla Deliberazione del Consiglio comunale di Bologna ODG: 66, PG: 45010/2008, data seduta: 21/7/2008);
  • Determinazione dirigenziale del Direttore dell'Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna con cui si approva lo schema organizzativo dell'Istituzione Biblioteche e si assegnano le responsabilità delle Unità Intermedie e delle Unità Operative (20/09/2010, PG 224513/2010);
  • Atto sindacale di attribuzione degli incarichi dirigenziali a seguito dell'approvazione del nuovo schema organizzativo (31/10/2011, PG 255486/2011);
  • Regolamento della Biblioteca dell'Archiginnasio (ODG: 941, PG 8155/85, data seduta: 06/03/1985, data inizio vigore: 06/03/1985)

Administrative structure

ISTITUZIONE BIBLIOTECHE DEL COMUNE DI BOLOGNA: Direttore Pierangelo Bellettini

  • U.O. SERVIZI AMMINISTRATIVI E GENERALI: Resp. Sandra Zuin, con delega per Procedure, atti, contratti a Renza Zanacchini
  • U.O. PROMOZIONE E COMUNICAZIONE: Resp. Valeria Roncuzzi
  • U.O. SERVIZI INFORMATICI: Resp. Ruggero Ruggeri

U.I. ARCHIGINNASIO E BIBLIOTECHE SPECIALIZZATE: Resp. Anna Manfron

  • U.O. DISTRIBUZIONE E PRESTITO: Resp. Giacomo Nerozzi
  • U.O. CONSULTAZIONE E REFERENCE: Resp. Marilena Buscarini
  • U.O. MANOSCRITTI E RARI: Resp. a.i. Anna Manfron
  • U.O. GABINETTO DISEGNI E STAMPE: Resp. Cristina Bersani
  • U.O. CONSERVAZIONE E RESTAURO: Resp. Saverio Ferrari
  • U.O. ACQUISIZIONI E CATALOGAZIONE: Resp. Giuseppina Succi

Records management and collecting policies

La Biblioteca dell'Archiginnasio si qualifica come una sorta di "biblioteca-archivio" nella quale si sedimentano la produzione culturale e la memoria storica di Bologna.
Di particolare valore per il patrimonio culturale locale sono le raccolte manoscritte e gli archivi, prodotti da famiglie, persone e istituzioni. Le raccolte librarie riguardano principalmente: cultura generale, con prevalenza delle discipline storiche, filosofiche, politiche, letterarie, artistiche, biografiche e bibliografiche.
La Biblioteca dell'Archiginnasio acquisisce materiale per le proprie raccolte anche attraverso la forma dei doni da parte di privati od enti. I doni sono accettati quando si valuta che la documentazione sia coerente con la natura e le finalità della biblioteca, o arricchisca e integri collezioni già presenti o serva a colmare lacune riscontrate nelle raccolte. Tutte le acquisizioni, comprese quelle effettuate sul mercato antiquario e librario, devono contribuire al rafforzamento della mission dell'istituto.

Buildings

Il palazzo dell'Archiginnasio fu costruito fra il 1562 ed il 1563 per volere del Legato pontificio di Bologna, il cardinale Carlo Borromeo e del Vicelegato Pier Donato Cesi, su progetto dell'architetto bolognese Antonio Morandi detto Terribilia. Lo scopo dell'operazione, maturata nel clima culturale del Concilio di Trento, era quello di dare una sede unitaria all'insegnamento universitario fino ad allora disperso in varie sedi.
Il palazzo presenta all'esterno un lungo portico di 30 arcate e si articola in due piani intorno ad un cortile centrale a doppio ordine di logge.
Due ampi scaloni conducono al piano superiore che presenta 10 aule scolastiche (oggi non visitabili poichè costituiscono i depositi principali dei libri della Biblioteca) e due aule magne poste alle estremità del fabbricato, una per gli Artisti (oggi Sala di lettura della Biblioteca) e una per i Legisti (detta in seguito anche Sala dello Stabat Mater).
Le pareti delle sale, le volte degli scaloni e dei loggiati sono fittamente decorate da iscrizioni e monumenti celebrativi dei maestri dello Studio e da migliaia di stemmi e di nomi di studenti. L'edificio cessò la sua funzione universitaria nel 1803, con il trasferimento dell'Università a Palazzo Poggi; dal 1838, dopo essere stato per alcuni anni scuola elementare, è sede della Biblioteca.
Al piano terreno alcune delle antiche aule sono occupate dalla Società Medica Chirurgica e dall'Accademia Nazionaledi Agricoltura.
Nel corso della seconda guerra mondiale, il 29 gennaio 1944, l'Archiginnasio fu bombardato e gravemente danneggiato (andarono distrutti in particolare il Teatro anatomico e la Cappella dei Bulgari). A partire dall'immediato dopoguerra le parti distrutte dell'edificio furono per quanto possibile fedelmente ricostruite utilizzando materiali recuperati dalle macerie.
Tra il 1990 ed il 2000 i depositi librari sono stati rinnovati ed ampliati mediante la soppalcatura di alcune sale; sono stati inoltre realizzati grandi lavori di ristrutturazione del palazzo, tra cui la climatizzazione dei locali.

Holdings

I fondi archivistici e documentari della Biblioteca dell'Archiginnasio, che spaziano dal X secolo all'attuale (in particolare secoli XVI – XIX) sono gestiti dalla SEZIONE MANOSCRITTI E RARI. Attualmente sono presenti circa 255 fra archivi, raccolte, carteggi e collezioni particolari riguardanti in gran parte famiglie, personaggi e argomenti bolognesi.
Per informazioni sui fondi archivistici e documentari, vedi il sito web della Biblioteca, alla pagina
http://www.archiginnasio.it/html/fondi_speciali.htm
La Biblioteca possiede circa 800.000 volumi ed opuscoli a stampa, 2.500 edizioni del XV sec. e circa 15.000 edizioni del XVI sec., 7.500 testate di periodici, di cui 750 in corso.
Da segnalare inoltre la collezione composta da migliaia di disegni, stampe e fotografie, che hanno particolare importanza per lo studio dell'iconografia bolognese, della vita artistica e della storia della città. Le raccolte sono prevalentemente di interesse documentario, storico e testuale, ma comprendono anche pezzi di notevole rarità bibliofilica e valore artistico e antiquario.
Per informazioni generali sulle raccolte della Biblioteca vedi:
http://www.archiginnasio.it/html/1raccolte.htm
Il nucleo originale delle raccolte della Biblioteca, proveniente dalle biblioteche delle corporazioni religiose soppresse in età napoleonica, si è via via accresciuto grazie agli acquisti e alle donazioni di fondi archivistici e librari da parte di eruditi collezionisti, politici e personaggi di spicco della vita cittadina (Magnani, Venturoli, Muñoz, Palagi, Ercolani, Minghetti, Pallotti, Gozzadini, Rusconi, Malvezzi de' Medici, etc.).
Durante la seconda guerra mondiale il bombardamento del palazzo avvenuto il 29 gennaio 1944 danneggiò gravemente una parte delle raccolte librarie, alcuni fondi e raccolte manoscritte (tra cui la raccolta Malvezzi, che fu fortunosamente recuperata dalle macerie e riordinata in anni successivi); i volumi e i cimeli più preziosi, che erano stati trasferiti in depositi situati sulla collina di Bologna, in località Casaglia, furono danneggiati dal bombardamento dell'11 ottobre del 1944.
Doni ed acquisizioni significative di intere biblioteche e di archivi privati sono continuati fino ai giorni nostri; tra i fondi entrati in Biblioteca negli ultimi decenni si ricordano quelli relativi a Riccardo Bacchelli, a Luciano Anceschi e, recentemente, ad Antonio Baldacci, a Mario Cagli e alla famiglia Arcangeli.

Finding aids, guides and publications


  • Fondi nel web: Guida generale on-line ai fondi archivistici e documentari della Biblioteca dell'Archiginnasio, con descrizioni sintetiche di tutti i fondi e indicazione degli strumenti di ricerca attualmente disponibili (elenchi, inventari sommari, inventari analitici), consultabile alla pagina

http://badigit.comune.bologna.it/fondi/index.html

  • I manoscritti compresi nei fondi speciali Manoscritti A e Manoscritti B, nonché i volumi manoscritti compresi nei fondi speciali Gozzadini e Malvezzi sono descritti negli Inventari dei Manoscritti delle biblioteche d'Italia (ed. Olschki).
  • Mario Fanti nella rivista «L'Archiginnasio» (LXXIV, 1979, pp. 7-38) ha redatto un elenco di 179 fondi speciali (Consistenza e condizioni attuali delle raccolte manoscritte della Biblioteca Comunale dell'Archiginnasio), con l'indicazione dei rispettivi inventari.
  • E' disponibile in Sala manoscritti un Catalogo dizionario con schede cartacee per autori, soggetti e materie in unico ordine alfabetico, relativo ai fondi speciali Manoscritti B, Gozzadini, Collezione autografi e a diversi altri.
  • Numerosi inventari di fondi recentemente riordinati ed inventariati sono stati pubblicati nel bollettino «L'Archiginnasio» e nella collana Biblioteca de «L'Archiginnasio».

Access area

Opening times

SEZIONE MANOSCRITTI E RARI Da lunedì a venerdì dalle ore 9 alle ore 18.45. Sabato dalle ore 9 alle ore 13.45.
Per gli orari degli altri servizi della Biblioteca, vedi:
http://www.archiginnasio.it/html/informazioni.htm - orari

Access conditions and requirements

La consultazione dei materiali archivistici gestiti dalla SEZIONE MANOSCRITTI E RARI della Biblioteca si svolge nella Sala manoscritti e rari (12 posti).
Possono accedere alla Sala manoscritti e rari tutti gli utenti della Biblioteca che intendano condurre ricerche sui volumi manoscritti, i fondi speciali e i libri rari a stampa (collocazioni 16 e 10), in riproduzione o in originale.
Gli utenti devono presentarsi con documento di identità in corso di validità (rilasciato da pubblica amministrazione per i cittadini dell'U.E.; passaporto per i cittadini non U.E.), corredato da foto e dal quale risulti anche la residenza.
Il trattamento dei dati personali degli utenti, in conformità alla legge sulla privacy, è effettuato a soli fini statistici e di servizio.
Gli utenti devono inoltre essere muniti di matita cancellabile, della carta per appunti strettamente indispensabile ed eventualmente metro flessibile a nastro, di guanti di cotone bianchi (se consultano manoscritti miniati, fotografie o altri materiali speciali), computer portatile privo di custodia.
Non possono introdurre in Sala libri o documenti propri né di altre sezioni della Biblioteca, salvo eccezioni autorizzate di volta in volta a seguito di richiesta scritta e adeguatamente motivata.
Non possono portare con sé forbici, coltelli, lamette, rasoi, carta o nastro adesivo, colla, bottigliette d'inchiostro, correttori liquidi o qualsiasi altro oggetto o sostanza che potrebbe danneggiare i documenti della Biblioteca.
I manoscritti si richiedono su appositi moduli distribuiti in sala, le opere a stampa sui normali moduli di richiesta disponibili sugli schedari.
La distribuzione dei manoscritti avviene con cadenza oraria a partire dalle 9.30 e fino alle 13.30 (il sabato l'ultima distribuzione avviene alle 12.30); dal lunedì al venerdì è possibile proseguire fino alle 18,45 la consultazione dei manoscritti richiesti durante la mattina o eventualmente tenuti da parte.
Di norma, l'utente potrà consultare giornalmente in originale non più di 2 buste di fondi speciali oppure 5 volumi (o fascicoli o registri) oppure 3 volumi (o fascicoli o registri) più 2 buste.
Ricerche che richiedano un numero superiore di documenti, potranno essere autorizzate, a seguito di richiesta scritta motivata.
Prima di uscire riconsegnare al personale di sala i pezzi ricevuti in lettura.
Farsi restituire la carta d'entrata debitamente timbrata (anche se non si sono chiesti libri o manoscritti).
Per il testo completo delle Modalità di funzionamento della Sala manoscritti e rariin vigore dal 2 gennaio 2008 vedi:
http://www.archiginnasio.it/html/consultazione_di_manoscritti_e_rari.htm
Per informazioni più generali sulle modalità di accesso alla Biblioteca dell'Archiginnasio e ai diversi Servizi, vedi:
http://www.archiginnasio.it/html/informazioni.htm#modalita

Accessibility

Le persone con problemi motori possono accedere alla biblioteca:

  • dal martedì al sabato dal Museo Civico Archeologico (via dell'Archiginnasio 2)
  • il lunedì da via de' Foscherari 2 (suonare il campanello e attendere la risposta)

Per informazioni: 051 276811.

Services area

Research services

Il personale della Sala manoscritti e rari è a disposizione degli utenti per informazioni riguardanti tutto il materiale bibliografico e documentario affidato alla Sezione. Le informazioni sono fornite in sede o a distanza (tramite e-mail, servizio postale, etc.).
Per informazioni generali sui servizi disponibili, vedere il sito web della Biblioteca http://www.archiginnasio.it pagina Servizi.

Reproduction services

I materiali manoscritti, rari e di pregio sono esclusi dal prestito e non sono fotocopiabili.
Possono essere richieste fotoriproduzioni di altro tipo (diapositive, fotografie, microfilm, stampe da files).
Il servizio, a pagamento, è appaltato ad una ditta privata che opera all'interno della Biblioteca.
La riproduzione delle opere è ammessa ad esclusivo scopo personale e di studio e nel rispetto della normativa sul diritto d'autore e sul copyright.
ORARI: Lunedì - venerdì ore 9.30 - 13.30 e 14.30 - 18.30. Sabato 9.30 - 13.30.
Per informazioni generali vedere il sito web della Biblioteca http://www.archiginnasio.it/html/fotoriproduzioni.htm

Public areas

La Biblioteca promuove numerose iniziative culturali: cicli di conferenze, presentazioni di volumi, convegni, mostre; notevole anche l'attività editoriale consistente nella pubblicazione della rivista «L'Archiginnasio», di cataloghi di mostre organizzate dall'istituto, e dei volumi della collana Biblioteca de «L'Archiginnasio».

  • Spazi per mostre temporanee
  • Sala ristoro con macchine erogatrici di bevande
  • Deposito borse ed oggetti
  • Navigazione Internet gratuita
  • Prenotazione stampe e manoscritti via e-mail

Control area

Description identifier

IT-BO0304

Institution identifier

IT - FEF

Rules and/or conventions used

Biblioteca comunale dell'Archiginnasio, Bologna (Regole Anagrafe Biblioteche Italiane) Comune di Bologna;
Biblioteca dell'Archiginnasio (Regole SIUSA - Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche);
Biblioteca dipartimentale [del Dipartimento del Reno] (30 apr. 1801);
Biblioteca comunale (dal 30 dic. 1802) anche Biblioteca comunitativa;
Biblioteche comunale, e Magnani (dal 30 ago. 1817);
anche Biblioteca comunale Magnani, Biblioteca municipale Magnani (tali forme del nome coesistono con Biblioteca comunale / comunitativa fino agli anni '60 del sec. XIX);
Biblioteca comunale dell'Archiginnasio (denominazione ufficiale dal 1907);
Biblioteca dell'Archiginnasio BCABo (acronimo da utilizzare nelle citazioni);


  • Descrizione conforme allo standard ISDIAH (Standard internazionale per gli istituti conservatori di archivi);
  • Anagrafe Biblioteche Italiane, per gli elementi Identifier e Authorised form(s) of name (prima forma autorizzata del nome)
  • SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche, per l'elemento Authorised form(s) of name (seconda forma autorizzata del nome)

Status

Draft

Level of detail

Full

Dates of creation, revision and deletion

2012-08-06

Language(s)

  • Italian

Script(s)

  • Latin

Sources


  • L'Archiginnasio. L'Università, il Palazzo, la Biblioteca, Bologna, Credito Romagnolo, 1987; - Biblioteca comunale dell'Archiginnasio, Bologna, a cura di Pierangelo Bellettini, Fiesole, Nardini, 2001;
  • Saverio Ferrari, L'archivio della Biblioteca comunale dell'Archiginnasio, «L'Archiginnasio», LXXVII (1983), pp. 237-266;
  • Sito web della Biblioteca (www.archiginnasio.it ).

Maintenance notes

Francesca, Morselli

Access points

Access Points

Primary contact

Piazza Galvani 1
Bologna
IT 40124